Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Creare un laghetto in giardino

Un bel laghetto pieno di pesci e di animali acquatici è l’ideale per decorare un giardino e renderlo un ambiente bello e confortevole nel quale passare ore piacevoli e rilassanti, soprattutto d’estate.

Creare un laghetto in giardino

Creare un laghetto in giardino: ecco come si fa

Un laghetto in giardino è l’ideale per creare un ambiente confortevole all’esterno della propria casa, non solo per quanto riguarda l’aspetto estetico ed ornamentale, ma anche per quello naturalistico. La presenza delle acque stagnanti infatti, come quelle che si trovano in un laghetto, consente di poter creare un ecosistema acquatico nel quale si inseriscono specie vegetali, insetti ed altri piccolissimi animali che creano uno spettacolare ambiente acquatico in continuo mutamento.

Se credete che realizzare un laghetto in giardino vi porti a spendere troppi soldi, sappiate che non è necessario sostenere costi altissimi per crearlo. Potrai infatti realizzare un bel laghetto fuori da casa tua utilizzando dei teli impermeabili insieme con l’argilla, risparmiando e al tempo stesso mantenendo il più possibile un effetto naturale.

Per prima cosa è importante seguire alcuni accorgimenti. Prima di tutto i margini sono fondamentali perché permettono di ottenere uno straordinario effetto di naturalezza, inoltre dovranno essere molto irregolari. Sono necessarie anche delle anse che dovranno essere riempite con della vegetazione per poter creare degli angoli riparati.

Le sponde non dovranno avere una pendenza eccessiva ed il fondo necessariamente dovrà prevedere dei passaggi graduali da delle zone meno profonde ad altre zone con una maggiore profondità. Per esempio potremmo ipotizzare un laghetto che va dai 20 cm fino ai 50 cm, mentre nei laghetti più grandi si può arrivare ad 1 metro.

Una volta stabilite le dimensioni e la forma del nostro laghetto potremo finalmente iniziare il lavoro. La prima cosa da fare è lo scavo, durante l’operazione dovrete fare attenzione a tenere sempre le pareti verticali evitando bene che il terreno possa franare.

Prima di andare a stendere il telo dovrete cospargere tutto il letto del laghetto usando della sabbia. Subito dopo potrete porre finalmente il telo nella vasca facendo fuoriuscire per 20 cm circa. Subito dopo il contorno delle varie pareti dovrà essere fissato con grosse pietre e mattoni.

In seguito dovrai tagliare gli angoli del telo senza però andare a scendere sotto il livello nel quale arriverà l’acqua del laghetto. In questo punto dovrà esserci una piegatura che dovrà essere girata e poi fissata con un po’ di mastice. Infine potete rivestire le pareti creando un muro con pietre a secco.

Dopo averlo realizzato il laghetto dovrà essere riempito con dell’acqua, mentre dopo un mese circa si potrà iniziare ad inserire anche le varie piante come ninfee, fiori di loto, iris e giacinti d’acqua. Ricordatevi sempre che le piante devono essere interrante in dei contenitori in plastica forati a rete. In tal modo le radici non potranno fuoriuscire e sarà più facile pure la manutenzione. Inoltre ogni pianta dovrà essere posizionata ad un livello diverso di profondità a seconda, ovviamente, delle varie specie.

Oltre alle coloratissime piante da fiore è fondamentale inserire nel laghetto anche delle piante erbacee che servono per favorire il movimento dell’aria e l’ossigenzione permettendo di mantenere l’equilibrio dell’ecostistema.

Ti consigliamo di sistemare ai bordi del tuo laghetto le piante che di solito in natura si trovano nei pressi dei laghi e dei fiumi, come l’Irisi, l’Alocasia, il Bambù e le altre.

Infine potete anche aggiungere dei piccoli animaletti d’acqua come le tartarughe, i pesciolini, le rane oppure i girini, ma anche le carpe. In particolare queste ultime sono ricercatissime per la stupenda varietà dei loro accesi colori, ma hanno necessità di spazi ampi e pure di laghetti con dimensioni notevoli. Alcuni fra questi pesci si nutrono delle larve di zanzare per questo motivo vi consigliamo di inerirne sempre un po’ nel laghetto.

I pesci migliori da mettere in un laghetto artificiale

Ma quali sono le migliori specie di pesci da mettere in un laghetto da giardino? Ovviamente non tutti i tipi di animali possono vivere all’interno di uno stagno costruito in casa. Fra gli animali che possono inserirsi in questo ambiente senza dei grandi problemi, troviamo di sicuro i pesci. Fra le specie più usate e diffuse troviamo il pesce rosso, che è comune negli stagni e nelle fontane. Questi animali hanno una grandissima capacità di resistenza e soprattutto un costo economico molto basso e si possono acquistare dappertutto senza alcun problema. Molto popolare negli specchi d’acqua dei giardini la Carpa Koi che ha in particolare uno scopo ornamentale. Questo animale è famoso e amatissimo per via della gamma vastissima di colori che essa può assumere, come il crema, il rosso, il giallo, l’arancione e l’arancio.

Poi se lo stagno si trova in un punto del giardino nel quale si forma una zona d’ombra e una più soleggiata, potrete anche inserire nell’ecosistema qualche tartaruga d’acqua. Questo animali infatti ha bisogno di un ambiente del genere sia per non subire il surriscaldamento del corpo, ma anche per beneficiare dei raggi del sole dei quali necessita per rendere il carapace sano e forte. Ovviamente inserendo degli animali acquatici nel laghetto dovrete controllare e curare determinati parametri come la durezza dell’acqua e lo stato di salute delle piante in modo da salvaguardare la loro vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.