Potatura degli agrumi

Potatura degli agrumi

Potatura degli agrumi

11 gennaio 2013 4 commenti

Potatura degli agrumi

Le piante di agrumi

Il termine generico “agrumi” si riferisce a una particolare tipologia di piante in grado di produrre frutti succosi molto apprezzati sia per il consumo fresco che per le trasformazioni a livello industriale.

Le principali specie di agrumi di interesse agronomico sono rappresentate da:

  • Arancio dolce (Citrus sinensis)
  • Arancio amaro (Citrus aurantium)
  • Limone (Citrus limon)
  • Pompelmo (Citrus paradisi)
  • Mandarino (Citrus reticulata, C. nobilis)
  • Cedro (Citrus medica)
  • Bergamotto (Citrus × bergamia)
  • Chinotto (Citrus myrtifolia)

Tutte queste specie sono originarie di una vasta zona asiatica e, in particolare, della porzione sudorientale del continente. Altre varietà “minori” di agrumi sono, invece:

  • Mandarino cinese o kumquat rotondo (Fortunella japonica)
  • Kumquatovale (Fortunella margarita)
  • Kumquat di Hong Kong (Fortunella hindsi)
  • Arancio trifogliato o ponciro (Poncirus trifoliata)
  • Tangelo (Citrus × tangelo)
  • Pomelo o pommelo (Citrus grandis o Citrus maxima)
  • Mapo (un ibrido Citrus × tangelo)
  • Miyagawa o satsuma (Citrus × unshiu)
  • Limone Meyer (Citrus meyeri)
  • Papeda delle Mauritius o combava (Citrus hystrix)
  • Calamondino (Citrus japonica x Citrusreticulata)
  • Kucle (Fortunella margarita x Citrus reticulata)
  • Pompia (Citrus × mostruosa)
  • Rangpur (Citrus x limonia)

Forme di allevamento degli agrumi

A differenza di molti altri alberi da frutto di interesse agronomico e commerciale, per quanto riguarda gli agrumi le forme di allevamento sono poche e comunque tutte riconducibili ad una struttura a globodella chioma. Le piante vengono fatte crescere senza eccessive costrizioni o potature, lasciando quindi che la chioma si sviluppi in modo naturale.

Ottenere esemplari dalla chioma globosa è piuttosto semplice: è infatti sufficiente cimare a circa 50 centimetri di altezza il fusto di giovani piante di agrumi, mantenendo tre o quattro branche dalle quali si svilupperà la chioma.

Tendenzialmente, per gli agrumi si preferiscono forme di allevamento dette a “chioma piena”, nelle quali la vegetazione raggiunga il suo sviluppo massimale spingendosi fin quasi a livello del terreno.

In questo modo viene sfruttata appieno la capacità degli esemplari di portare frutti, senza dimenticare che la presenza di una simile chioma rappresenta una ottima protezione nei confronti dell’eccessiva insolazione del fusto e anche in caso di eventuali sbalzi di temperature.


Potatura degli agrumi

Gli agrumi sono piante che presentano significative differenze rispetto ad altri alberi da frutto, delle quali è indispensabile tener conto. Le principali sono rappresentate da:

  • La produzione si verifica sui rami formatisi nell’anno precedente.
  • Negli agrumi lo sviluppo vegetativo si articola in tre periodi distinti: primavera, inizio dell’estate ed autunno.
  • Il portamento degli agrumi, tranne poche eccezioni, è di tipo assurgente, ovvero la chioma tende a crescere verso l’alto. Per via del loro stesso peso, in seguito, i rami si incurvano verso il basso e questo portamento viene sfruttato a fini produttivi.

Il periodo ideale per la potatura degli agrumi è compreso tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate, intervenendo quindi in un’epoca precedente alla fioritura. Gli agrumi sono piante che non necessitano di interventi di potatura intensivi, anzi: meno si pota, e meglio è.

Ciononostante devono essere effettuati tagli selettivi, ad esempio asportando la porzione di vegetazione più vicina al suolo in modo tale da consentire una aerazione ottimale del resto della chioma. Così facendo, si scongiura la possibilità di sviluppo di malattie fungine.

Nella potatura di produzione bisogna inoltre eliminare i rami che hanno già prodotto, oltre naturalmente a quelli secchi, deboli oppure malati. Contrariamente a molte altre specie di interesse agronomico, negli agrumi i polloni non costituiscono sempre un elemento negativo da rimuovere il prima possibile.

I polloni infatti sono molto utili quando vi è la necessità di ringiovanire la chioma della pianta, e vengono impiegati per la sostituzione di branche dalla produttività ormai in fase di declino. Negli agrumi è molto importante che la vegetazione troppo fitta venga diradata, in modo tale da consentire il passaggio della luce e dell’aria.

Risorse utili per approfondire il discorso sulla potatura degli agrumi:

Approfondire la potatura degli agrumi

Siti internet

Video

  • Giardinaggio.it – Coltivare gli agrumi

Libri

  • Agrumi. Come sceglierli, come curarli – Autore : Hans-Peter Maier – Editore: Gremese Editore – Anno: 2005
  • Coltivare gli agrumi ornamentali e da frutto – Autore : Aldo Colombo – Editore: DVE Italia S.P.A. – Anno: 2006
  • Gli agrumi in vaso e in piena terra. Scelta, cura, messa a dimora – Autori: Monika Klock, Thorsten Klock – Editore: Red Edizioni – Anno: 2008

4 commenti già pubblicati

Aggiungiti alla conversazione
  1. #1 giuseppe 14 settembre, 2014, 14:56

    buonasera ho un albero di mandarino piantato in giardino da 7 anni ci faccio la potatura ogni anno e tolgo anche i famosi rami chiamati secchioni ma con tutto questo non ha mai fatto fiori e frutti come mi devo comportare ho devo ancora aspettare ho significa che lo devo togliere grazie

  2. #2 CARLO BALDIN 22 novembre, 2014, 08:59

    ho un mandarino cinese acquistateto 8 anni fa in vivaio.Mi ha dato bei frutti per 3 anni ed ora da 3 anni non fiorisce piu’. E’ in un bel vaso grande, foglie bellissime di un bel verde scuro e mi dispiace disfarmene. Potete darmi una dritta?. Mille grazie

  3. #3 gianluca 21 gennaio, 2015, 14:55

    Se devi disfartene lo puoi dare a me grazie

  4. #4 Antonio 25 febbraio, 2015, 16:24

    È molto probabile che il tuo mandarino cinese non fiorisca perchè l’hai messo in un vaso grande.
    Ha prodotto radici e chioma dalle belle foglie verdi ma i fiori non dovrebbero tardare ad arrivare nuovamente.
    Pazienta ancora un po’.

I tuoi dati saranno salvatiIl tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non saranno condivisi con terze persone