Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Costruire un tunnel serra

Proteggere le piante dal freddo rappresenta una priorità per gli appassionati di giardinaggio ed orticoltura. Anche se in commercio si possono trovare numerosi modelli di serre prefabbricate, costruire una serra con le proprie mani – contrariamente a quanto si potrebbe pensare – non è poi tanto difficile. Scopriamo in questa guida quali materiali scegliere e come costruire una serra fai da te per l’orto o per il giardino.

Costruire un tunnel serra per proteggere le piante dal freddo

Grande o piccola che sia, un tunnel serra è una struttura indispensabile per proteggere le piante dalle condizioni climatiche sfavorevoli (freddo e vento) tipiche dei mesi freddi. L’utilizzo delle serre è particolarmente diffuso in orticoltura, dal momento che la maggior parte delle specie di interesse produttivo non tollera le temperature troppo basse.

Grazie ai tunnel serra è possibile ottenere raccolti anche in stagioni nelle quali la coltivazione in pieno campo (all’aria aperta) sarebbe naturalmente preclusa; queste strutture sono ad esempio ideali per la produzione di primizie in primavera o per raccolti tardivi autunnali. Le serre normalmente sono strutture prive di sistemi di riscaldamento, e contano sull’irraggiamento solare per mantenere al loro interno temperature favorevoli.

Ne esistono tuttavia anche di riscaldate ed illuminate artificialmente, che vengono impiegate dalle grandi aziende agricole per la produzione di ortaggi anche nei mesi invernali. Lo stesso discorso si applica anche alla floricoltura: molti dei fiori che si possono acquistare in negozio provengono proprio da coltivazioni in serra.

Al di là di questi usi “professionali”, grazie alla loro semplicità ed economicità le serre possono essere strutture molto utili anche per i semplici appassionati di giardinaggio o di orticoltura. Presso i negozi specializzati in giardinaggio o bricolage si possono trovare moltissimi diversi modelli di serre, già complete di tutte le parti e che necessitano solo di essere assemblate. Queste serre possono essere di forme, dimensioni e tipologie adatte a tutte le necessità, ma talvolta in commercio non è possibile trovare il modello che si cerca.

Costruire un tunnel serra

In questo caso, con un po’ di buona volontà e utilizzando i materiali giusti, è possibile costruire una serra fai da te in grado di rispondere alle proprie esigenze specifiche. Per gli appassionati di bricolage si tratta senza dubbio di un’attività divertente e gratificante, mentre in generale costruendo una serra con le proprie mani è possibile realizzare un certo risparmio che di questi tempi non fa certo male.

Fra le tipologie di serra più diffuse troviamo i tunnel serra, ovvero strutture di altezza ridotta che si basano su una copertura di forma semicircolare, e le serre “a casetta” di dimensioni superiori. In questa guida vedremo come realizzare una serra, la tipologia più semplice da costruire ed indicata anche a chi è sostanzialmente digiuno di fai da te.

Materiali e attrezzature per costruire in casa un tunnel serra

Ecco quali sono i materiali di partenza per la costruzione di un tunnel serra di dimensioni medie (8 metri di lunghezza x 4 di larghezza).

  • Telo in materiale plastico
    il telo deve essere trasparente e resistente, con uno spessore di 0.15-0.20 millimetri circa. Per quanto riguarda le dimensioni, bisogna calcolarle con un certo eccesso rispetto alla grandezza finale della serra; in questo caso, si consiglia almeno un telo di 10-11 metri di lunghezza x 7-8 di larghezza.
  • Tubi in plastica
    questi tubi devono essere flessibili, dal momento che andranno a costituire la copertura semicircolare della serra. Particolarmente indicati sono i tubi da idraulica: è preferibile sceglierli di diametro non eccessivo (1 cm circa) per riuscire a piegarli senza problemi, mentre la loro lunghezza può variare dagli 1.5 ai 2.5 metri a seconda delle dimensioni che vogliamo abbia la cupola.
  • Tubi rigidi o listelli di legno
    (uno o due) pari alla lunghezza della serra: questi verranno impiegati per tenere insieme gli archi.
  • Telo da agricoltura
    traspirante da disporre sul terreno, delle stesse dimensioni della serra (facoltativo).
  • Raccordi per tubi da idraulica
    in alternativa si possono impiegare anche manicotti di gomma di diametro idoneo a raccordare i tubi in plastica.
  • Picchetti di alluminio
    ideali sono quelli da campeggio.
  • Cordino
    in nylon resistente.
  • Borchiatrice
  • Mazzetta
    per piantare i picchetti
  • Cesoie
  • Flessibile
    per tagliare i tubi

Quanti tubi servono? Nella struttura finale ciascun arco di supporto sarà costituito da due tubi, mentre gli archi saranno distanziati l’uno dall’altro di circa 80-100 centimetri. Pertanto, per una serra delle dimensioni indicate, sono necessari almeno 16-20 tubi in plastica; conoscendo di quanti tubi si ha bisogno, si possono di conseguenza acquistare anche i raccordi necessari.

La costruzione del tunnel serra

I tubi di plastica vanno uniti due a due mediante gli appositi tubi di raccordo oppure utilizzando dei manicotti in gomma resistente di almeno 20 centimetri di lunghezza. I tubi da idraulica sono particolarmente indicati per la realizzazione di un tunnel serra perché leggeri e flessibili, ma al contempo molto resistenti.

Le estremità del primo di questi lunghi tubi raccordati devono essere piantate nel terreno per almeno 20-30 centimetri di profondità, ad una distanza idonea per ottenere il grado di arcuatura desiderato. Si procede poi con il secondo tubo, da piantare parallelamente al primo a 80-100 centimetri di distanza, e così via sino ad esaurimento.

Per essere certi di seguire una linea dritta, è sempre meglio disporre sul terreno un cordino teso da utilizzare come guida. Una volta terminata la costruzione degli archi, al di sopra di essi si posizionano trasversalmente i listelli di legno o i tubi rigidi, legandoli con del cordino, in modo tale da creare una struttura solida, stabile e resistente al vento. Poco al di sopra del punto di infissione nel terreno bisogna legare i tubi di sostegno con due tiranti, da fissare a picchetti da giardinaggio piantati nel terrenol’uno opposto all’altro.

A questo punto si può procedere stendendo sulla struttura il telo in plastica trasparente, lasciando in corrispondenza di una delle estremità della serra un lembo di telo che ne consenta l’apertura e chiusura. Ulteriori tiranti vanno collocati alle due estremità della struttura. Per fissare bene le pieghe del telo si può ad esempio impiegare una borchiatrice.

Per realizzare l’apertura della serra, il lembo di telo in avanzo deve essere tagliato longitudinalmente in modo tale da ottenere due lembi che si sovrappongono; questi lembi possono essere rinforzati con uno strato aggiuntivo di telo. Sul bordo dei lembi si devono realizzare dei fori (eventualmente rivestendoli con anelli metallici) nei quali far passare del cordino da fissare a picchetti piantati nel terreno o ad altri fori realizzati sui lati della serra.

Lungo i bordi del telo, esternamente al tunnel, si possono collocare mattoni, sassi o assi di legno per tenerlo in posizione ed evitare che si sollevi col vento. Una volta terminata la costruzione della struttura il nostro tunnel serra è pronto per ospitare le nostre piante orticole, fiori o vasi da proteggere durante la stagione invernale.

Un tunnel serra in miniatura per il terrazzo o il balcone

Naturalmente il modello di serra sopra descritto non si adatta, né per dimensioni né per struttura, ad uno spazio ristretto come ad esempio il balcone. In questo caso è consigliabile semplicemente coprire le piante e i vasi presenti con un telo di plastica fissato al suolo con mattoni o assi di legno.

In alternativa si può costruire una piccola serra utilizzando un telo di plastica trasparente e due lunghi listelli di legno di lunghezza leggermente inferiore a quella del telo. La larghezza del telo deve essere pari a 100-150 centimetri a seconda dell’altezza della struttura finale. I vasi da proteggere devono essere collocati a ridosso di una parete: in questo modo se ne potrà misurare l’ingombro e scegliere le lunghezze idonee dei materiali da utilizzare.

Entrambi i lati lunghi del telo vanno arrotolati intorno a ciascun listello, e tenuti ben stretti con delle fascette in plastica o dei piccoli chiodi; ai lati rimarranno due lembi di telo liberi. Uno dei listelli deve essere fissato alla parete verticale lungo la quale sono disposti i vasi, mentre l’altro va appoggiato in terra: in sostanza, si otterrà una struttura di forma grossomodo triangolare. I lembi di telo non collegati al listello possono poi essere ripiegati su se stessi in modo da chiudere completamente la struttura.

L’ideale sarebbe collocare questo mini tunnel serra a ridosso di una casa riscaldata: in questo modo il calore trasmesso dal muro sarà in grado di innalzare leggermente le temperature interne permettendo alle piante di superare l’inverno in modo più agevole. Di tanto in tanto è bene ricordarsi di aprire la piccola serra per consentire il ricambio di aria ed evitare che all’interno si accumuli umidità in eccesso.

Qualche consiglio utile riguardo ai tunnel serra

Avendo la possibilità di scegliere, è sempre bene orientare il tunnel serra lungo l’asse est-ovest, in modo tale da poter contare su un’illuminazione omogenea durante le ore centrali della giornata.

Un tunnel serra realizzato con tubi di plastica è leggero, flessibile ed economico; tuttavia in alcune situazioni (ad esempio zone soggette a nevicate o a venti forti) è indicata una struttura più resistente. In questi casi è possibile sostituire ai tubi in plastica degli elementi strutturali in materiale zincato che possono essere ad esempio commissionati ad un artigiano locale. Oltre a questi, si raccomanda anche di aumentare lo spessore del telo utilizzato.

È possibile ricoprire l’interno della serra con un telo da agricoltura e, se l’ambiente è sufficientemente spazioso, anche disporre banchi di lavoro sui quali appoggiare vasi, semenzai o attrezzi. In questo caso il tunnel serra può essere impiegato come vivaio per giovani piantine, destinate poi ad essere trapiantate in pieno campo non appena esse raggiungono le dimensioni idonee.

Se si intende realizzare una struttura un po’ più “professionale” è possibile dotare il tunnel serra di un impianto di illuminazione per potervi lavorare anche quando fa buio. Un po’ più costosi (ma indispensabili per alcuni scopi) sono gli impianti fotoperiodici che, regolati da un timer, si accendono/spengono secondo particolari tempistiche per soddisfare le esigenze delle piante.

Alcuni vegetali infatti hanno bisogno di un certo numero di ore di luce al giorno per poter crescere, fiorire e fruttificare, pertanto grazie agli impianti di illuminazione fotoperiodica è possibile coltivare specie anche in periodi naturalmente sfavorevoli. Questo tipo di illuminazione impiega speciali lampade per coltivazione, che si distinguono in base a dimensioni, potenza, composizione spettrale e colore della luce.

Per approfondire come costruire il tunnel serra

Ecco una carrellata di link da consultare per ulteriori spunti, idee e informazioni riguardo alla costruzione fai da te di serre e tunnel serra:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.