Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Le proprietà delle erbe aromatiche

Conoscete tutto, ma proprio tutto, sulle piante aromatiche? Oltre a essere conosciute come gli alleati più preziosi in cucina, quelli che vi aiutano a insaporire i cibi in modo naturale, sapevate che le piante aromatiche sono anche ricche di proprietà benefiche? Ecco quali sono e in che modo di possono integrare quotidianamente nelle nostre abitudini.

Le erbe aromatiche non dovrebbero mai mancare in cucina, non solo perché sono un ottimo modo per insaporire i cibi limitando l’uso del sale, ma anche perché si tratta di piante dalle molteplici proprietà. Sono facili da coltivare e si prestano bene a qualsiasi tipo di soluzione; in vaso, piantate direttamente nella terra del giardino, o dell’orto, e in barattolo.

Le erbe aromatiche hanno profumi intensi e avvolgenti, colori accesi e un gusto inconfondibile, anche per chi non è un esperto coltivatore. Tutti siamo in grado di riconoscere un odore che risveglia la nostra memoria olfattiva e ci riporta a ricordi di infanzia legati alle erbe aromatiche. Ma da quanto tempo l’uomo conosce, coltiva e apprezza le erbe aromatiche?

Per dare una risposta a questa domanda, dobbiamo tornare indietro nel tempo. Parecchio indietro, almeno di 60mila anni, il periodo a cui risale un ritrovamento di ibisco e millefoglie dentro a una tomba. Diversi resti archeologici hanno dimostrato il ruolo di rilievo che le piante avevano fin dall’antichità. L piante aromatiche erano utilizzate dagli egizi per imbalsamare i corpi dei defunti e  per conservare l’aspetto della vita terrena anche nell’aldilà. Per loro le erbe aromatiche potevano trasportare messaggi spirituali dagli uomini alle divinità, ma soprattutto erano preziosi alleati per curare malattie e ferite.

Al netto delle leggende e delle testimonianze storiche, le piante aromatiche hanno effettivamente proprietà terapeutiche, e anche i romani lo sapevano bene, tanto che erano soliti somministrare il prezzemolo ai gladiatori prima della lotta per aiutarli a rimanere in forze. Sono stati sempre i romani, poi, a portare le loro conoscenze botaniche nel resto d’Europa ed è proprio da qui che comincia lo studio delle erbe aromatiche nei conventi, i centri dove sono nati i primi trattati di erboristeria.

Le più comuni erbe aromatiche sono il prezzemolo, il rosmarino, la salvia, il timo e il basilico, ma in realtà la natura ci offre tante altre varietà che vale la pena scoprire. Vediamo adesso quali sono le  proprietà curative delle erbe aromatiche, quali sono le sostanze benefiche che contengono e come sfruttare a pieno le loro caratteristiche per trarre importanti benefici.

Rosmarino

Ha foglie piccole, sottili e appuntite, che assomigliano molto agli aghi di pino. Il rosmarino è una pianta abbastanza resistente e può raggiungere anche i due metri di altezza. Il suo profumo è fresco e dolce e in cucina si usa per aromatizzare la carne.

Il rosmarino ha proprietà disintossicanti, aiuta la circolazione e ha anche proprietà analgesiche,  antisettica e anti-infiammatorie. Aiuta la digestione ed è ottimo anche per preparare infusi e tisane, soprattutto se soffrite di problemi di digestione. Il rosmarino è molto utilizzato nell’aromaterapiaper profumare l’ambiente e per dare al corpo energia  e benefici tonificanti.

Salvia

La salvia è una pianta sempreverde ed è una specie mediamente alta, che può raggiungere anche i 70cm di altezza. Le foglie sono lunghe ed affusolate e hanno una consistenza spessa e dura. La utilizziamo in cucina per aromatizzare la carne, ma anche il pesce e i primi piatti. Si tratta di una pianta molta antica, da sempre conosciuta per i suoi innumerevoli benefici. Anzi, in passato veniva anche considerata una pianta dai poteri magici, usata in diversi riti.

Le proprietà della salvia sono balsamiche e digestive, ma questa erba aromatiche è anche in grado di alleviare i dolori mestruali e anche i sintomi della menopausa ( ecco perché questa pianta  viene chiamata anche “estrogeno naturale”). Ottima per alleviare la ritenzione idrica, i reumatismi, le emicranie e le gengiviti e gli ascessi, troviamo la salvia anche in diverse preparazioni per i dentifrici. E se vi piacciono i rimedi naturali, allora sappiate che la salvia è un ottimo sbiancante per i denti.

Timo

Anche il timo è una pianta aromatica molto utilizzata in cucina per insaporire la carne e il pesce. Chi ha già qualche esperienza con l’orto sa che questa pianta fiorisce a marzo e si raccoglie nel bel mezzo della sua fioritura. Anche in questo caso, siamo di fronte a una pianta che ha diverse proprietà curative; è antisettica, digestiva e balsamica e contiene potassio, calcio, magnesio e manganese.

Basilico

Il basilico è la pianta aromatica per eccellenza. Tutti lo conoscono, tutti lo to utilizzano in cucina e, soprattutto, tutti riconoscono il suo inconfondibile profumo. Il basilico ama il clima mediterraneo e non tollera le temperature se scendono al di sotto dei 10° e il suo aroma è intenso e molto piacevole.

Il basilico è una pianta ricca di minerali, vitamine e aminoacidi. Se usata come infuso questa pianta può essere un buon punto di partenza per preparare un digestivo naturale. s

Il prezzemolo

Il prezzemolo è un vero e proprio toccasana in cucina. Si può consumare fresco, direttamente colto, oppure si può conservare facilmente nel congelatore dopo averlo finemente tritato. Perché è un bene avere sempre una lauta scorta di rosmarino in frigorifero o nel congelatore? Perché questa pianta contiene molte vitamine, flavonoidi e amminoacidi, aiuta la digestione ed è anche un prezioso alleato contro i disturbi mestruali.

Aglio

Tante storie e leggende sono state raccontate sull’aglio, una pianta i cuoi frutti hanno note proprietà anti-batteriche e anti-ipertensive. L’aglio ha un sapore deciso e insieme alla cipolla è l’elemento base per un buon soffritto, ma non solo. L’aglio è anche anti-ossidante, diuretico e viene utilizzato anche per combattere il raffreddore e l’influenza.

Alloro

La pianta dei poeti, del mito di Dafne e di tanti altri racconti antichi. L’allora oggi è considerato una preziosa erba aromatica non solo perché insaporisce e dona gusto ai piatti, ma anche perché ha ottime proprietà digestive e calmanti per le coliche e per il mal di stomaco.

Anice

L’anice lo conosciamo come una bevanda rinfrescante, ottima da gustare in estate per combattere il caldo, ma questa pianta è anche un sedativo naturale, particolarmente efficace contro la flatulenza e la cattiva digestione.

Lavanda

La lavanda, oltre a essere incredibilmente profumata, ha proprietà antisettiche, analgesiche, battericide,  e sedative. Questa pianta è utilizzata anche nell’aromaterapia e nella profumazione degli ambienti per il suo potere tranquillante ed equilibrante del sistema nervoso. Inoltre è un ottimo decongestionante contro il raffreddore e l’influenza ed è utile per combattere i problemi digestivi.

Maggiorana

La maggiorana è una pianta ricca di vitamina C ed è particolarmente indicata nella cura dell’emicrania. Questa erba ha proprietà digestive e antispastiche e previene anche le patologie cardiovascolari. I suoi semi contengono acidi grassi dai quali si ricava un olio particolare, perfetto per mantenere la pelle giovane ed elastica.

Come avete visto, queste queste erbe aromatiche sono semplici da coltivare a casa, in balcone oppure in cucina, non occupano molto spazio e in cucina sapranno darvi tante, tante soddisfazioni. E forse da oggi le guarderete anche con occhi diversi, dopo che avrete scoperto quante proprietà benefiche le piante aromatiche apportano. Non vi resta che mettervi all’opera!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.