Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Giardinaggio per principianti: la guida per iniziare

Vi piacerebbe tanto dedicarvi al giardinaggio e adesso vi siete finalmente decisi? Se non sapete da dove iniziare e da che parte andare per muovere i primi passi tra terriccio, concimi e specie da coltivare, allora questa guida fa decisamente al caso vostro. Leggetela e saprà indicarvi la strada!

Quando si comincia un nuovo progetto c’è sempre la paura di sbagliare, le domande sono tante e molto spesso le risposte poche. E se parliamo di giardinaggio, e di coltivazione in generale, tutto è molto più amplificato; le informazioni da conoscere sono tante e quando si è alle prime armi bisogna darsi un gran da fare.

Eccovi allora la nostra guida per il giardinaggio dedicata ai principianti: vi accompagnerà passo dopo passo verso questo nuovo mondo nel migliore dei modi.

Conoscere il terreno

le diverse tipologie di concimi naturali e chimici

Che tu sia un professionista esperto o un principiante, un buon giardiniere deve conoscere il suo terreno. Fortunatamente, questo aspetto è più facile di quanto sembri. Per cominciare basterà fare un piccolo test del terreno: vi stupirete di quante informazioni può darvi la terra. No, non parliamo di test elaborati, ma di un’analisi preliminare che potete eseguire facilmente da soli.

Per prima cosa, prendete una manciata di terra. Evitate di eseguire il test in periodi di siccità o di piogge intense prolungate, ma se proprio non potete farne a meno e il terreno è disidratato potete aggiungere un paio di gocce d’acqua.

Ora, proprio come se steste tenendo in mano una manciata di plastilina, iniziate a spremere la terra in un pugno. Poi provate a spianare la massa sopra un panno steso su una qualsiasi superficie; se si sbriciola, è probabile che abbiate a che fare con un terreno sabbioso. Se mantiene la sua forma come se fosse argilla da modellare, avrete a che fare con un terreno argilloso.

Perché sono importanti queste informazioni? Per conoscere a pieno il terreno che dovrete andare a lavorare e per sapere di che cosa ha bisogno e in che modo.

Il terreno argilloso è lento da drenare , il che può rappresentare un grosso problema per la crescita delle piante. I terreni sabbiosi, invece, rappresentano l’altro estremo: hanno un ottimo drenaggio, ma questo può significare che sono inclini a seccarsi e possono avere difficoltà a trattenere i nutrienti. Il terriccio è il meglio di entrambe le tipologie; il terreno migliore contiene un po’ dell’uno e un po’ dell’altro.

Avere una buona conoscenza di base del tipo di terreno del vostro giardino vi aiuterà a iniziare a pianificare le piantagioni e qualsiasi altra specie vogliate piantare. Per esempio, i letti rialzati sono ideali per terreni argillosi e per coltivare frutta e verdura in quanto offrono un miglioramento del drenaggio, mentre i terreni sabbiosi beneficeranno dell’aggiunta di un concime vegetale a rilascio controllato.

Pianificare (tutto) per tempo

Attrezzi giardinaggio

Il programma di ogni giardiniere e coltivatore è fortemente influenzato dal calendario, quindi un principiante impreparato svolgerà spesso compiti in risposta al cambiamento delle stagioni, cosa molto importante quando soprattutto nel periodo di passaggio dall’inverno alla primavera.

Per esempio, dovrete sempre assicuravi che il terreno sia in ottime condizioni per la primavera. E questo significa che la terra andrà preparata come si deve prima, durante la stagione autunnale e invernale che precede la primavera. Prendete un diario, o un calendario, e scrivete tutti i compiti a cui dovrete dedicarvi  nei prossimi mesi: renderà  molto più facile il vostro lavoro a lungo termine.

Scegliere gli strumenti giusti per il lavoro

operazioni e attrezzatura per orticoltura

Se siete alle prime armi con il giardinaggio, non lasciatevi abbattere dalla sezione dedicata alle attrezzature e attrezzi da giardinaggio del negozio fai-da-te locale. Tutto può sembrare un po ‘scoraggiante all’inizio, ma voi non abbiate paura e iniziate con le basi. Non avrete bisogno di molti strumenti per iniziare, ma il segreto è acquistare i singoli oggetti che sono perfettamente adatti a voi e ai primi lavori che andrete a svolgere.

In primo luogo, iniziate con un buon rastrello e una vanga, indispensabili per sciogliere, scavare e lavorare bene il terreno.  Scegliete quello che ritenete più comodo da sollevare e fate sempre attenzione alla qualità degli strumenti che acquistate; in commercio ci sono molti attrezzi economici, alcuni fin troppo economici, che sono destinati a deteriorarsi in poco tempo. Meglio essere disposti a spendere un po’ di più all’inizio per essere sicuri di poter contare su strumenti robusti e resistenti nel tempo.

Acquistare online è consigliato in questo caso? La risposta è sì, qualora on line si trovino sconti e occasioni, ma è bene u visitare prima un negozio fisico per provare e rendersi conto di persona della varietà di marche e modelli esistenti prima di impegnarsi a comprare.

Non avrete bisogno solo del rastrello e della vanga. Avrete bisogno anche di strumenti per il taglio e la potatura. Le cesoie si usano per gli steli e i rametti più sottili. Ancora una volta, assicuratevi di scegliere uno strumento comodo da utilizzare e che vi faccia sentire a proprio agio nel momento dell’impugnatura.

Se avete una siepe da curare e mantenere in ordine, avrete anche bisogno di un paio di cesoie a manico lungo. In questo caso i modelli più pesanti possono essere stancanti , quindi vale la pena spendere un po ‘di più per avere uno strumento leggero e maneggevole.

Per piantare, avrete poi bisogno di una cazzuola a mano. Un manico più corto è generalmente buono, ma considerate sempre le versione più maneggevole, soprattutto se nel vostro giardino ci sono aree che troverete particolarmente difficili da raggiungere con un modello di cazzuola standard.

Infine, non dimenticare di acquistare un buon paio di guanti da giardinaggio. E per “buono”, intendiamo un paio di guanti  forti e duraturi senza essere troppo ingombranti . I guanti vi proteggeranno dai graffi, dalle schegge e da eventuali reazioni allergiche. Se trovate difficile impugnare gli strumenti con i guanti, è probabile che il modello che avete scelto non si adatti correttamente. I guanti devono essere ben aderenti per proteggere le mani dalle vesciche, rendendovi più facile l’uso degli strumenti anche per periodi più lunghi.

Imparare a leggere l’etichetta

agricoltura biodinamica

Le prime volte che sceglierete cosa piantare, molto probabilmente farete degli errori. Questo è assolutamente normale, almeno all’inizio. Con il tempo, imparerete l‘importanza di leggere l’etichetta. Leggendo le etichette diventerete più informati e più esperti; imparerete a riconoscere la maggior parte delle piante e dei bulbi e a leggere sempre la  guida sull’etichetta, che vi informerà su quali sono le condizioni più adatte alla specie che state acquistando, quale tipo di terreno è consigliato e quali sono tutte le indicazioni da seguire.

E adesso…buon divertimento!

Adesso che sapete quali sono i primi step da mettere in pratica prima di dilettarvi con la nobile arte del giardinaggio, ora che avete capito quali sono gli strumenti da acquistare prima di iniziare…tocca proprio a voi! Non abbiate paura di sbagliare e di sporcarvi le mani, è proprio il caso di dirlo, e ricordatevi che il giardinaggio è soprattutto un hobby, un piacevole passatempo che vi permette di distrarvi, di allontanare lo stress della vita quotidiana e di riconciliarvi con la natura. Se la ascoltate e imparate a seguire i suoi ritmi e le sue regole, saprà darvi tante, tantissime soddisfazioni. Provare per credere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.