Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Come allevare le api

Allevare le api è un modo non solo per ottenere dell’ottimo miele da mangiare in famiglia e da commerciare, ma anche per creare una vera e propria attività che si riveli nel tempo anche redditizia. In questa guida cercheremo di illustrare come allevare le api: quali sono i passi principali da compiere, come comportarsi e come produrre il miele.

Come allevare le api

Quante volte sei andato al supermercato e hai acquistato un bel barattolo di miele… ti sei mai chiesto cosa ci sia dietro a quel prodotto? Un duro lavoro, ma soprattutto la passione e un grande amore per un’attività denominata apicoltura. Se l’idea di allevare le api ti ha sempre stuzzicato, ma non hai mai capito bene come metterla in pratica, ti diamo una mano noi a realizzare i tuoi progetti, con pochi e semplici consigli.

Allevare le api

L’apicoltura, a differenza di quello che pensano in molti, è un vero mestiere che spesso viene praticato di generazione in generazione in famiglie che hanno questa passione nel sangue. Allevare le api infatti, con le tecniche moderne e qualche conoscenza in più, può diventare un modo per entrare ancora più in contatto con la natura, conoscere un nuovo hobby e alla fine, magari, creare una vera e propria attività che garantisca un buon reddito.

Le api

L’ape è un insetto imenottero che fa parte del genere Apis. In essa troviamo quattro diverse specie, ovvero l’Apis florea, l’Apis dorsata e l’Apis cerana, originarie tutte e tre dell’Asia e l’Apis mellifera che invece possiamo trovare in Europa, Africa, Vicino Oriente, America, Australia e Nuova Zelanda. Nel tempo l’ape ha subito una grandissima diffusione geografica con la nascita di razze molto diverse fra loro, tanto che nel tempo, oltre alle razze originarie (le quattro indicate prima) ne sono nate delle meticce.

Ma ora cerchiamo di conoscere un po’ meglio le quattro razze sociali principali:

L’ape nera (detta scientificamente Apis mellifera, fu classificata da Linneo nel 1758): arriva dalle zone dell’Europa settentrionale e si è poi diffusa dalla Francia, alla Germania, all’Inghilterra e alla Polonia fino ad raggiungere anche la Russia europea.
L’ape gialla italiana (nome scientifico Apis mellifera ligustica, fu classificata da Massimiliano Spinola nel 1806): si trova principalmente in tutti i territori dell’Italia.
L’ape carnica (detta anche Apis mellifera carnica, identificata nella classificazione dello studioso August Pollmann nel 1879) è indigena della Slovenia e delle zone dell’Austria.
L’ape caucasica con la lunga tromba (detta pure Apis mellifera caucasica, fu classificata da Pollmann nel lontanto 1889) si può trovare specialmente nel Caucaso e nella regione della Georgia.

Creare un business

Da un semplice hobby ad una curiosità si può arrivare, grazie all’allevamento delle api, ad un vero e proprio lavoro, che ti permetterà di ottenere un buon reddito e tantissime soddisfazioni. L’apicoltura infatti può trasformarsi in un business se saprai cavartela e seguirai i giusti consigli. Come? Grazie alla vendita di tutti i prodotti che ricaverai dalle tue care api. Non solo il miele, ma anche la pregiatissima pappa reale, il polline e la cera d’api, tutti prodotti che si possono facilmente ricavare da un alveare di api e che al giorno d’oggi, con consumatori sempre più a caccia di una vita green, sono molto richiesti. Inoltre l’apicoltura non richiede degli investimenti o delle spese molto alte, basterà investire inizialmente un po’ di soldi (non tanti comunque come vedremo in seguito) e dopo dovrai solo lavorare e curare le tue api per ottenere un guadagno.

L’investimento iniziale

La spesa iniziale per avviare un allevamento di api riguarderà soprattutto la creazione di un laboratorio che sia a norma. Per questo dovrai considerare un investimento iniziale di circa cinquemila euro in tutto. In questo luogo dovrai creare i tuoi prodotti e l’edificio dovrà essere conforme a tutte le norme igieniche e legislative per la trasformazione e la trattazione dei generi alimentari. Dovrai poi acquistare le arnie, il luogo in cui vivranno le api, che dovranno essere di buona qualità e resistenti alle intemperie e al tempo. Infine l’ultima cosa da acquistare, ma non la meno importante, dovrà essere la tua maschera, che avrà lo scopo di proteggere il viso dalle api, quando estrarrai il miele. Ricordati che deve sempre essere di un colore chiaro, mai scuro. La trovi in commercio di tonalità beige, gialle oppure bianche.

Come allevare le api

Se vuoi iniziare ad allevare le api, per prima cosa ti consigliamo di rivolgerti a qualcuno di esperto, che sia già nel settore e che operi questa attività da diverso tempo.

In questo modo potrai ricevere un aiuto concreto da persone esperte che ti daranno consigli utili non solo per ciò che riguarda il lavoro pratico, ma anche per le questioni burocratiche e legali. Dopo aver capito quale è la documentazione da consegnare e le regole da seguire, non vi resterà che mettere su il vostro allevamento d’api.

La prima cosa da fare è acquistare le api e preparare un terreno abbastanza ampio, nel quale predisporre le arnie. Infatti inizialmente, per avviare l’attività, avrai bisogno di un buon numero di api. Per iniziare basteranno circa 2 o 3 famiglie d’api che si dovranno sistemare in altrettante arnie.

L’arnia è in sostanza la casa delle tue api. Si tratta di un contenitore con la forma di un parallelepipedo di legno, nel quale la famiglia degli insetti si sviluppa e nel tempo si riproduce. Quando l’arnia viene abitata dalle api, prende il nome di alveare.

All’interno di un alveare troviamo:

  • 1 regina ( dal sesso femminile) che ha il compito di deporre le uova;
  • 1.000 fuchi ( di sesso maschile) che sono deputati alla riproduzione;
  • 15.000 api adulte ( di sesso femminile) che vengono inviate all’esterno per raccogliere il nettare, l’acqua, la propoli ed il polline;
  • 15.000 api giovani ( di sesso femminile) che lavorano nell’alveare ed hanno diversi compiti
  • 5.000 larve che devono essere nutrite;
  • 5.000 uova che diventeranno delle larve;
  • 10.000 larve che si stanno trasformando in un ape adulta.

Questi piccoli insetti tutti insieme produrranno il tuo miele. A te non resterà che estrarlo e lavorarlo nei modi e nei tempi che ti saranno indicati, per ottenere un prodotto genuino, naturale e buonissimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.