Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Albicocco: varietà e caratteristiche

L’albicocco, il cui nome scientifico è Prunus armeniaca (o in Armeniaca vulgaris, secondo diversi autori), è una pianta di medie dimensioni in grado di raggiungere altezze intorno ai 6-8 metri. La sua chioma, se lasciata libera di crescere naturalmente, assume una forma tendente al globoso; il fusto è caratterizzato da un certo diametro, ed è ricoperto da una corteccia di colore bruno-rossastro così come lo sono i rami.

Albicocco

Tipologie di gemme dell’albicocco

Sui rami sono portate due tipologie di gemme: quelle a legno e quelle a fiore. Le gemme a legno presentano una forma appuntita, e sono facilmente distinguibili da quelle a fiore dal momento che queste ultime sono caratterizzate invece da una forma tondeggiante-globosa.

La produzione dell’albicocco si concentra su particolari tipologie di rami, ovvero:

  • Rami misti
  • Dardi fruttiferi
  • Birindilli
  • Rami anticipati

Ecco che dunque, per avere una produzione soddisfacente e duratura nel tempo, è indispensabile scegliere con cura quali e quanti rami mantenere sulla pianta nel corso della potatura. Questa operazione deve essere finalizzata anche ad avere un adeguato numero di rami produttivi nell’annata successiva.

Fioritura e impollinazione dell’albicocco

I fiori dell’albicocco sono piuttosto precoci, essendo preceduti in pratica solo da quelli del mandorlo. Nelle zone dell’Italia meridionale in genere la fioritura avviene tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo, mentre nelle zone dal clima più temperato di solito bisogna attendere almeno la metà di marzo.

Nell’albicocco l’impollinazione è entomofila, ovvero favorita da insetti pronubi come ad esempio le api. Anche se la maggior parte delle cultivar di albicocco è autocompatibile, per una buona produzione di frutti si consiglia sempre di piantare esemplari appartenenti a diverse varietà in modo tale da permettere la fecondazione incrociata.

I frutti dell’albicocco maturano tra la fine del mese di maggio (climi caldo-mediterranei) e la fine di luglio (zone temperate e della pianura padana).

Varietà di albicocco

Un aspetto molto importante da considerare, nelle coltivazione di questo albero da frutto, è la scelta delle varietà “giuste”.

L’albicocco è infatti una specie che, per essere produttiva, ha bisogno di trascorrere un certo periodo di tempo a temperature basse (dai 7°C in giù); in particolare, sono le gemme a fiore che necessitano di vernalizzazione.

Fabbisogno in freddo (vernalizzazione)

Questa esigenza è conosciuta con il termine tecnico di “fabbisogno in freddo” ed è diversa da una varietà all’altra. Mediamente si parla di circa 600 ore minime di fabbisogno in freddo per avere una buona produttività, mentre con meno di 400 ore la pianta sarà soggetta a una notevole cascola (ovvero la caduta dei frutticini appena formati).

Per essere più precisi, ecco i valori di fabbisogno in freddo di alcune delle principali cultivar commerciali di albicocco:

  • Tilton, Canino: 750 ore
  • Royal: 870 ore
  • Precoce di Colomer: 950 ore

Va da sé che, in base al clima della zona, è indispensabile scegliere le cultivar che meglio vi si adatteranno: man mano aumenta il fabbisogno in freddo, e minore sarà la resa delle piante coltivate nei climi più miti.

Potatura dell’albicocco

4 Commenti

  1. Ivan Beghi
  2. Gioele Ghisi
  3. xixel
  4. carlo masciarri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.