La margherita: coltivazione e cura

La margherita è una delle piante tra le più semplici da coltivare, sia in terrazzo che in giardino. Ne esistono varietà di diverse dimensioni e colori, con caratteristiche diverse ma con un elemento in comune: tutte sono capaci di regalare un aspetto rustico, ma allo stesso tempo elegante e senza tempo, alla casa.

Come coltivare margherite
Coltivare le margherite

Le margherite  sono molto amate per la loro semplicità e oltre ad essere belle da vedere sono anche molto utili: attirano api e farfalle e sono perfette per realizzare delle bellissime aiuole e bordure in giardino.

La margherita appartiene alla famiglia delle Asteraceae del genere Leucanthemum. È un fiore piccolo, un’erbacea perenne che produce i fiori tipici delle asteracee, ed è formato da fiorellini con un centro carnoso. I fiori hanno petali bianchi, anche se in base alle varietà i fiori possono assumere anche colori diversi, e in primavera coprono i prati incolti  di tutta Europa.

In commercio si trovano diverse specie di margherite; con i fiori gialli, rosa o crema, per la maggior parte con fioriture che continuano anche per tutta l’estate. La parte fiorita della margherita è conosciuta con il termine di capolino ed è formata da diversi fiori singoli  che possono essere ligulati o tubulosi.

Le diverse specie di margherita

Tra le specie più note ed apprezzate troviamo l’Aster Alpinus, una perenne perfetta per ricoprire il suolo e i giardini rocciosi. Proviene dall’Europa, dal Nord America e dall’Asia e in Italia la si può trovare allo stato brado sulle Alpi. Ha bisogno di  un terreno calcareo, fresco e di un buon drenaggio per crescere bene e rigogliosa.

Ma questa varietà non è l’unica.

Chrysanthemum leucanthemum

È la classica margherita dei campi con disco giallo e fiori bianchi. E’ una specie endemica dell’Europa e nel nostro Paese ed è facile trovarla a copertura di prati in collina o in montagna. Le farfalle ne sono molto attratte. Bella nella sua semplicità, questa margherita è perfetta anche per il giardino di casa.

Chrysantheum maximum

Proviene dall’Europa, in particolare dai Pirenei ed è caratterizzata da fusti sottili che arrivano anche a 9 cm di altezza. Ha petali di colore bianco con il disco giallo e foglie verdi dal colore molto acceso. La fioritura parte da metà luglio e continua fino a novembre. Questo fiore è molto semplice da coltivare ed è perfetto sia per zone soleggiate che ombreggiate. E’ una specie perfetta per chi ama il giardino pieno di aiuole.

Felicia amelloides

È una margherita che proviene dal  Sudafrica e dall’Abissinia ed è  caratterizzata da un fiore azzurro. In base al clima si può considerare questa margherita annuale o perenne. La sua fioritura si manifesta  dalla primavera e dura fino alla fine dell’autunno. Preferisce terreni freschi e drenati e ha bisogno di  concimazioni costanti.

Osteospermo (dimorphoteca)

È un genere che include circa settanta specie  perenni o annuali originarie dell’Africa meridionale e dell’Arabia. Hanno  fiori i cui colori vanno dal  giallo all’arancione fino al rosa e al viola. La fioritura dura per tutta la stagione ed è una specie perfetta per essere coltivata in vaso, ma anche per le aiuole, per le  bordure e per i giardini rocciosi.

Echinacea

È una margherita estiva caratterizzate da steli robusti e da  fiori del disco sporgenti . Arriva dal  Nord America ed è  caratterizzata da fiori grandi rosa, bianchi, rossi, gialli oppure arancioni e da foglie verde scuro.  Fiorisce in estate e, con le dovute attenzioni, anche a metà autunno.

Cosmos

Sono annuali e perenni caratterizzate da steli lunghi ed esili e da foglie simili alle felci. Preferiscono  posizioni soleggiate e un terreno  ben drenato, hanno un’altezza che può variare trai 60 ed i 90 cm e il colore dei fiori può essere bianco, rosa e anche rosso, con una fioritura che dura per tutta l’estate.

Rudbeckia

Questa varietà di margherita è caratterizzata da fiori che hanno colori con sfumature in genere calde, come il giallo, il rosso, l’arancione e il marrone. Sono fiori di facile manutenzione, preferiscono  terreni umidi e un luogo  ben soleggiata. La loro altezza può  oscillare  tra i 60 e i 100 cm.

Come coltivare le margherite

La coltivazione della margherita è abbastanza semplice, anche se è importante rispettare alcune piccole ma importanti regole:

  • La margherita ha bisogno  di molta luce
  • Tutte le margherite hanno bisogno di essere irrigate in modo abbondante e con una certa frequenza nel periodo di crescita e nei periodi più caldi. È importante mantenere il substrato umido ma evitare sempre i ristagni d’acqua.
  • La tolleranza nei confronti della temperatura varia molto in base alla specie. Le margherite arbustive sono le più rustiche e sopportano fino a 5 °C.
  • Per quanto riguarda la potatura occorre eliminare i fiori avvizziti per far durare la fioritura più a lungo: questo stimolerà le produzioni successive.

I parassiti e le malattie

La margherita è un fiore soggetto ad avvizzimenti, una malattia molto comune nelle specie erbacee ornamentali che è provocata da un fungo: il Verticillium dahliae. Si tratta di malattie complesse da debellare; attaccano il sistema linfatico della pianta provocando diverse alterazioni. Il fungo attacca la pianta e si diffonde rapidamente all’interno per mezzo della linfa, provocando così l’avvizzimento.

Nella margherita  l’avvizzimento fungino si riconosce in un modo molto semplice:

  • la chioma diventa più chiara rispetto al normale, o quasi gialla, e poi diventa  grigiastra. La crescita è stentata e la pianta  si secca.

Cosa fare: occorre quindi intervenire per mettere in salvo le piante vicine ancora indenni eliminando le piante infette e anche il terriccio contaminato.

Curiosità sulla margherita

La margherita è un fiore che da sempre rappresenta la primavera. Gli innamorati la spogliano dei suoi petali per sapere se il loro amore sarà ricambiato e il significato che viene attribuito a questo fiore è quello di freschezza, purezza e semplicità.

Nel linguaggio dei fiori la margherita assume da sempre un significato positivo. È un fiore che si regala sempre in occasione dei lieti eventi o per trasmettere messaggi positivi. Il concetto più importante che è legato a questo fiore è la verità; la margherita è un fiore semplice, delicato, che dona purezza e innocenza e simboleggia l’amore fedele e la pazienza.

La margherita rappresenta anche l’innocenza giovanile ed è per questo motivo che un tempo le ragazze si abbellivano i capelli usando proprio piccole ghirlande di margherite. A volte viene inserite nel bouquet da sposa e spesso si regala per  celebrare il quinto anniversario di nozze. E ancora un bel mazzo  di margherite si regala in genere a una neo-mamma per dare il benvenuto al neonato.

Anche la forma del fiore ha il suo significato preciso: i petali che circondano il disco centrale giallo ricordano il  sole e quindi questo fiore è considerato quello che più di tutti è in grado di portare gioia e allegria nella vita delle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.