Giardino roccioso

Quando si pensa a un giardino viene in mente una bella distesa verde e tante piante, fiori e arbusti. Ma esistono anche quelli che si chiamano giardini rocciosi. Ma cosa sono? Ultimamente sono di gran moda e allora vediamo come ci realizzano e cosa è necessario fare, quale materiale acquistare e cosa piantare per crearne uno tutto nostro.

Il giardino roccioso

Un giardino roccioso potrebbe essere un’ottima soluzione nel caso si voglia abbellire anche solo un angolo del giardino oppure nei casi in cui l’area esterna a disposizione è piuttosto piccola tale da non poterla sfruttare per un giardino tradizionale con manto erboso.

Un altro contesto in cui è molto sfruttato è quando si vogliono abbellire zone e aree che si trovano in pendenza e sono scoscese, caso in cui il giardino roccioso ha così anche una funzione contenitiva.

Molto importante è sapere scegliere le pietre più adatte, le piante che si possono piantare, e seguire tutta una serie di consigli utili affinché il giardino roccioso sia davvero bello e funzionale.

giardino roccioso

Pietre da utilizzare nel giardino roccioso

Naturalmente in un giardino roccioso uno dei materiali principali sono proprio le pietre. Ma quali sono le pietre più adatte? Come si scelgono?

Le pietre più adatte sono il granito, il basalto, la pietra calcarea che sono disponibili in varie forme e colori. In genere quello che si consiglia è di scegliere e acquistare pietre della stessa forma e dello stesso tipo proprio per creare un giardino più armonico. Certamente non c’è differenza tra pietra angolare o tonda, la scelta si basa sui gusti personali.

Scelta delle piante

Un giardino roccioso non si compone solo di pietre ma anche di piante, arbusti e bulbi. Le piante migliori sono quelle a crescita lenta che hanno anche una dimensione più contenuta e per questo adatte a un contesto di questo tipo: ad esempio molto adatte a un giardino roccioso sono anche le conifere come i Pini mughi che hanno una crescita piuttosto lenta. Unica cosa a cui è necessario prestare attenzione è che alcune varietà di piante non amano il calcaree ed altre invece possono viverci benissimo a contatto, pertanto sarebbe preferibile prima scegliere il tipo di pietra e poi il tipo di piante da utilizzare.

Grande è la varietà di specie tra cui poter sceglierle e di seguito si forniscono alcuni esempi tra le piante più diffuse per i giardini rocciosi.

Possono essere utilizzate specie perenni che rimangono basse e sono tappezzanti come la Saxifraga, l’Alisso, l’Erisimo, l’Ibersi, l’Aubretia o l’Armenia marittima.

Alcune conifere nane possono abbellire il giardino roccioso anche nella stagione invernale, per questo sono consigliate conifere come i Ginepri nani, i Ginepri Prostati, le Criptomerie, il Taxus baccata, le varietà di Tuja giobosa, le rare varietà di Abies che sono a crescita lenta che hanno colori molto belli dall’argentato e ramato al verde e che hanno anche bacche o piccole pigne colorate.

Molto particolari anche il Piracahta navajo sempreverde che ha le bacche rosse, la Nandina nana Fire power che delel foglie di un colore rosso molto intenso, l’Osmantus caratteristico per le foglie variegate.

Tra le piante erbacee perenni si può optare per l’Astro alpino, l’Aubetia o il Sempervivum, mentre fra gli arbusti più utilizzati per i giardini rocciosi ci sono ad esempio il Timo, la Lavanda blu, la Deutia gracilis, la Genista nana, la Forsythia nana courtasolo o la Lagestroemia nana.

Le Bulbose più comuni sono i Narcisi, i Tulipani e i Crocus, mentre le erbacee perenni, come ad esempio l’Anemone epatica, il Mughetto e il Ciclamino selvatico, sono molto adatte per le nicchie più ombrose del giardino.

Prato verde

Per far risaltare un giardino roccioso sarebbe opportuno prevedere anche una zona verde alla base del giardino stesso. In tal modo il giardino roccioso sovrastante risalterà per color e forme. Si possono utilizzare anche prati a rotoli dato che spesso si tratta di zone piuttosto piccole e così anche la spesa per l’acquisto di questo tipo di prati è abbastanza contenuta.

Da valutare il tipo di esposizione, il tipo di terreno e di esposizione per scegliere così il tipo di ebra più adatto. In tal caso si consiglia di installare anche un buon impianto di irrigazione.

Come creare un giardino roccioso

Una volta che si è deciso quale sono le pietre che si preferiscono utilizzare quali le opinate da piantare, cosa è necessario fare?

Ecco alcuni passi importanti da fare:

  • progettare lo spazio a disposizione e organizzarlo anche in una sorta di quadranti all’interno di ognuno dei quali sistemare rispettivamente ad esempio gli alberi, le piante e le pietre;
  • nel caso di giardini rocciosi di più grandi dimensioni se possibile sarebbe bene lasciare anche uno spazio da vivere dato che i giardini rocciosi sono anche spazi per la meditazione e la riflessione quindi potremmo trascorrerci alcuni piacevoli momenti rilassanti;
  • tra le varie stagioni in cui fare i lavori è preferibile scegliere l’autunno, non solo nel caso si voglia allestire un giardino roccioso ex novo, ma anche se si vuole risistemare quello già esistente;
  • preferire una pozione soleggiata;
  • vangare e lavorare bene la terra affinché il terreno sia il più drenato possibile dato che le piante del giardino roccioso non tollerano ristagni di acqua;
  • estirpare tutte le erbe infestanti;
  • arricchire il terreno con sostanze organiche e sistemare anche sabbia e ghiaia;
  • sistemare bene i sassi e le rocce scelte facendo in modo che parte di essi siano anche interrati;
  • piantare le varie piante ed arbusti che sono stati scelti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.