Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Guide pratiche - articoli in archivio

  • Usare la cenere come concime

  • Utilizzare la cenere come concime è una pratica molto antica. Si tratta infatti di un prodotto naturale che rispetta l’ambiente e che, allo stesso tempo, apporta nutrimento al terreno grazie al potassio, al fosforo e a tanti altri preziosi elementi. Ecco allora come usare la cenere e cosa va invece evitato.

  • Biodiversità agricola

  • Secondo la Fao oggi circa il 75% delle varietà delle colture agrarie sono scomparse e l’alimentazione nel mondo si basa soltanto su 5 specie animali e 7 vegetali, benché in natura ne esitano almeno 30.000. La biodiversità agricola è in pericolo e va salvaguardata come uno dei patrimoni più importanti per l’uomo.

  • Orti condivisi

  • L’idea di creare un orto condiviso avvalla anche altri importanti iniziative quali quella di recuperare spazi inutilizzati e trasformarli in orti, dando vita anche a momenti di condivisione e socializzazione tra adulti, bambini o anziani che si prendono cura di questo prezioso spazio verde. Spesso capita che alcune aree pubbliche siano inutilizzate o addirittura abbandonate. In alcuni casi, quando si tratta di aree verdi dismesse, si ha la possibilità di trasformarle nei cosiddetti orti condivisi.

  • Birdgardening: come attirare uccelli in giardino

  • Il birdgardening è una sorta di unione tra giardinaggio e birdwatching, che consiste nell’attirare piccoli uccelli in giardino utilizzando essenze vegetali, mangiatoie e nidi artificiali. È sufficiente avere a disposizione un po’ di spazio all’aria aperta per dedicarsi al birdgardening, un’attività in grado di regalare grandi soddisfazioni e di far riassaporare il contatto con la natura. In questa guida troverete consigli e spiegazioni utili relative al mondo del birdgardening.

  • Orto biologico: introduzione

  • Sarebbe bello poter avere a portata di mano delle verdure sane e genuine coltivate secondo i metodi dell’agricoltura biologica. Questo è possibile grazie all’orto biologico, che richiede sì esperienza e impegno, ma allo stesso tempo regala prodotti gustosi e che fanno bene alla salute.

  • Annaffiare: come fare

  • L’acqua, sia sotto forma liquida, o di vapore, è un elemento assolutamente indispensabile per la coltivazione delle piante. Essa entra direttamente nella composizione dei loro tessuti ed è il veicolo delle sostanze nutritive per la vita e per lo sviluppo dei vegetali. Senz’acqua non è possibile alcuna cultura, e la terra, sia pure buonissima o si trovi in un buon clima, rimane senza valore, se è assolutamente priva di quell’elemento. Per conseguenza è di capitale importanza il pensare all’innaffiatura delle piante perché non sempre né per tutte le colture basta l’acqua che cade dal cielo.

  • Tipi di terricci

  • Spesso il normale terreno in cui vogliamo, o dobbiamo, coltivare è di una tipologia non adatta al nostro scopo, oppure è carente di qualche tipo di sostanza nutriente. A questo punto, o rinunciamo alla coltivazione desiderata oppure dobbiamo arricchirlo con un additivo che lo renda adeguato alla nostra necessità. Ecco entrare quindi in gioco i terricci, materie composite o sostanza specifiche che aggiungono al terreno originale quegli apporti di cui abbiamo bisogno. Questa guida spiega quali sono, di cosa sono composti e quale azione positiva hanno.

  • Tecnica della forzatura

  • La forzatura è una utilissima tecnica che consiste nel sottoporre le piante a particolari condizioni che determinano un anticipo del loro sviluppo, consentendo così di ottenere primizie e di coltivare fiori, frutta ed ortaggi fuori stagione. In questa guida scopriremo i principi biologici della forzatura, le piante cui può essere applicata ed i suoi numerosissimi vantaggi pratici.

  • Tecnica dell’imbianchimento

  • L’imbianchimento è una pratica che riguarda la coltivazione di diverse specie orticole, e che permette di ottenere prodotti saporiti, teneri e allo stesso tempo croccanti. In questa guida scopriremo i principi biologici che stanno alla base dell’imbianchimento, come questa tecnica va effettuata e quali sono le varietà per le quali è indicata.

  • Orto verticale

  • Un orto verticale permette di far crescere delle piante in luoghi piuttosto ristretti sfruttando l’altezza, quindi la verticalità da cui deriva il nome, di alcuni spazi esterni come può essere un balcone o un angolo di un giardino. Per realizzare un orto di questo tipo si può facilmente ricorrere al “fai da te”, risparmiando soldi e ottenendo comunque ottimi risultati. Ecco quindi una guida completa che vi spiega, passo passo, come fare.

  • Orto da balcone o terrazzo

  • Spesso chi non possiede uno spazio all’aperto per creare un orto, ma dispone solo di un balcone, o del terrazzo, si domanda se sia possibile ugualmente piantare e coltivare alcuni tipi di verdure per i bisogni casalinghi? La risposta è sì, certamente: basta infatti dare vita al cosiddetto “orto da balcone”, che si può creare agevolmente e con profitto anche nei ristretti spazi aperti di una casa cittadina o di un condominio. Vediamo come fare in questo articolo.

  • Ortoterapia: vantaggi e benefici

  • In un mondo sempre più virtuale e tecnologico, la riscoperta della natura e del contatto con la terra è anche un modo per ritrovare se stessi. Ecco allora che l’ortoterapia diventa una vera e propria terapia, un modo sano e genuino non solo per chi vuole semplicemente stare meglio e ama la natura, ma anche per chi è depresso, malato o per i diversamente abili.

  • Concimare le piante da frutto

  • Che siano collocati in un frutteto, tra le piante dell’orto o in mezzo a siepi e aiole fiorite di un comune giardino, gli alberi da frutto sono in grado di regalare sempre grandi soddisfazioni a chi se ne prende cura. Affinché queste piante siano sempre in salute e produttive, però, non bisogna tralasciare le cure periodiche e fra di esse la concimazione.

  • Proteggere le piante dal freddo

  • Con l’avvicinarsi della stagione fredda è necessario difendere le piante più delicate di giardini, balconi e terrazzi dai rigori invernali. I metodi per proteggere le piante dal freddo sono numerosi, ed ogni specie ha le sue esigenze e il suo grado di sensibilità al freddo. In questa guida scopriremo diversi metodi ed espedienti per mettere al riparo le piante, garantendone la sopravvivenza e la buona salute sino alla successiva primavera.

  • Micronutrienti delle piante: riconoscere carenze ed eccessi nel terreno

  • Foglie che ingialliscono, crescita stentata, caduta di fiori o frutti: la prima cosa a cui si pensa quando le nostre piante manifestano questi sintomi è l’attacco di qualche parassita o fungo. Eppure, spesso, tutto questo potrebbe essere dovuto “semplicemente” (si fa per dire) a una carenza o a un eccesso di micronutrienti. Impariamo in questa guida a riconoscere i sintomi di questi squilibri nutritivi a carico delle piante, e soprattutto a prevenirli.

  • Macroelementi per le piante: riconoscere carenze ed eccessi nel terreno

  • Spesso, osservando strane colorazioni o arricciamenti sulle foglie, ci coglie il sospetto che le nostre piante siano state colpite da chissà quale malattia virale o parassita. In realtà si potrebbe trattare di una carenza o di un eccesso “nutritivo”, ossia di quelle sostenze dette macroelementi o macronutrienti, i cui sintomi possono spesso essere confusi con quelli di “vere” patologie. In questa guida impareremo a riconoscere le principali carenze o eccessi delle piante basandoci sull’osservazione dei loro sintomi, e ad intervenire di conseguenza.

  • Concimi organici

  • Per fare crescere piante belle, in salute e produttive è indispensabile occuparsi della loro periodica concimazione. Sul mercato si possono trovare diversi tipi di fertilizzanti e quelli organici sono i più indicati non solo per fornire alle piante gli elementi nutritivi di cui hanno bisogno, ma anche per migliorare la struttura e le caratteristiche del terreno. In questa guida sono contenuti approfondimenti riguardo ai principali concimi organici.

  • Orto in casa

  • Chi abita in città o non ha a propria disposizione uno spazio verde sufficiente non è costretto a rinunciare al piccolo, grande sogno di coltivare un proprio orto. Esiste infatti la possibilità di realizzarlo sul terrazzo o sul balcone, e in essi possiamo coltivare le nostre specie vegetali preferite. Questa guida vi fornisce tutte le informazioni sull’attrezzatura necessaria e tutte le indicazioni pratiche relative alla realizzazione di un orto in casa.

  • Coltivazione idroponica

  • La coltivazione idroponica prevede l’immersione dell’apparato radicale delle piante nell’acqua, anziché nella terra. Questa tecnica permette un risparmio di notevoli quantità di acqua e fertilizzanti, riduce notevolmente le malattie per le piante e può essere condotta tutto l’anno senza il vincolo della stagionalità. In questa guida scopriremo i numerosissimi vantaggi, le tecniche e qualche suggerimento utile per effettuare la coltivazione idroponica in modo efficiente e produttivo.

  • Tecniche di coltivazione idroponica

  • La coltivazione idroponica, nota anche come idrocoltura, si basa su una diversa gestione del substrato in cui la pianta normalmente cresce: acqua invece che terreno. Le radici della pianta sono infatti immerse nel liquido e questo metodo consente un rilevante risparmio sia per l’impiego di acqua da irrigazione che dei fertilizzanti, ma riduce anche di molto il rischio malattie vegetali e permette di coltivare tutto l’anno senza il vincolo della stagionalità.