biologico - articoli in archivio

  • Viticoltura biodinamica

  • Alcune caratteristiche principali della viticoltura biodinamica sono la produzione di un vino di qualità, il rispetto del terreno, l’avversione ai metodi di coltivazione tradizionale che fanno uso di pesticidi e fertilizzanti chimici, per portare così nel calice non solo un gustoso vino profumato, ma anche un po’ di natura.

  • Giardino biologico

  • Non utilizzare pesticidi, scegliere specie arboree autoctone, preferire il compost, raccogliere l’acqua piovana per annaffiare, rispettare i cicli delle stagioni… questi sono soltanto alcuni degli accorgimenti utili per coltivare un cosiddetto giardino biologico. Vediamo allora più nel dettaglio cosa è necessario fare e cosa invece è da evitare.

  • Etichettatura prodotti biologici

  • Logo comunitario identificativo del prodotto biologico, nome del produttore o ragione sociale, provenienza delle materie prime, codice dell’organismo di controllo: ecco alcune delle indicazioni che il consumatore deve trovare indicate per quanto concerne l’etichettatura prodotti biologici. Leggere l’etichetta di cosa si compra è la prima garanzia a tutela del consumatore.

  • Azienda biologica

  • In che modo un’azienda può essere definita biologica rispetto ad un’altra che invece non lo è? I requisiti e le certificazioni che riconoscono un’azienda biologica sono di vario tipo proprio per dare maggiori garanzie e sicurezza al consumatore che, leggendo anche le etichette dei prodotti, può conoscere la filiera produttiva.

  • Allevamento biologico

  • Oggi nei supermercati o nelle macellerie si trovano sempre più spesso carne, latte, uova e altri prodotti derivanti da allevamento biologico. Anche un allevamento commerciale tradizionale può essere trasformato in biologico, ma è necessario conseguire tutta una serie di requisiti fondamentali che si differenziano anche in base alla specie degli animali.

  • Agriturismo bioecologico

  • L’agriturismo bioecologico incentra le sue attività sul rispetto e valorizzazione del territorio tramite l’adozione di sistemi dell’agricoltura biologica, l’offerta di strutture ricettive progettate secondo criteri della bioedilizia e del risparmio energetico, la ristorazione e la vendita di prodotti biologici realizzati all’interno dell’azienda e l’organizzazione e promozione di attività e laboratori.

  • Agricoltura biodinamica

  • Le piante sono un essere vivente e come tali entrano in relazione e risentono dei rapporti con tutti gli altri esseri. Ecco allora che l’agricoltura biodinamica si basa su una visione antroposofica spirituale e tutti i metodi di coltivazione devono escludere l’utilizzo di ogni tipo di pesticidi o sostanze chimiche.

  • Biodiversità alimentare

  • Se per la sopravvivenza degli ecosistemi il mantenimento della biodiversità è un fattore irrinunciabile, molto meno viene posto l’accento sul concetto di biodiversità alimentare. Come influenza la nostra esistenza, e quella delle generazioni che verranno dopo la nostra? Potrete scoprirlo in questo approfondimento.

  • Certificazione biologica

  • Per un’azienda del settore agricolo, zootecnico o di trasformazione la certificazione biologica è frutto di un percorso fatto di osservanza di obblighi normativi, controlli periodici e massima trasparenza. Proseguendo nella lettura di questa guida potrete saperne di più sull’iter di certificazione e sulle garanzie che ne derivano per il consumatore.

  • Biodiversità agricola: guida completa

  • Mentre la natura tende spontaneamente verso la biodiversità, gli ecosistemi agricoli fanno della monocoltura il loro elemento distintivo. Eppure della diversità biologica possono giovare grandemente anche le moderne coltivazioni: scopriamo perché e come in questo approfondimento.

  • Etichettatura dei prodotti biologici

  • Per distinguere un prodotto biologico da uno ottenuto con metodi tradizionali basta guardare l’etichetta, che riporta una serie di simboli e diciture standardizzati. In questo approfondimento potrete trovare indicazioni utili per meglio comprendere il sistema di etichettatura dei prodotti biologici, che è rigidamente regolamentato a livello europeo.

  • Mangiare biologico

  • I cibi biologici sono ottenuti da coltivazioni che non contemplano l’uso di prodotti chimici di sintesi, ma che rispettano invece i cicli di sviluppo naturali, la biodiversità e le esigenze di protezione ambientale. Per farvi un quadro completo sulla scelta di mangiare biologico, e sui relativi vantaggi/svantaggi, vi consigliamo di proseguire nella lettura di questa guida.

  • Giardino biologico

  • Quando si pensa alle coltivazioni biologiche vengono in mente campi, frutteti e appezzamenti similari; eppure i medesimi principi possono essere applicati anche su piccola scala, ovvero al proprio giardino. Scopriamo come è semplice creare a casa propria un giardino biologico rispettoso dell’ambiente.

  • Fattoria biologica

  • La fattoria biologica rappresenta una tipologia di azienda che in Italia si è diffusa più che altro a partire dagli anni Ottanta e che oggi richiama l’attenzione di molti consumatori. In agricoltura e nell’allevamento non sono usati pesticidi, Ogm, ormoni o prodotti di sintesi, a tutela dell’ambiente e della salute dell’uomo.

  • Concimazione biodinamica

  • L’85% dei pesticidi viene utilizzato nell’agricoltura e solo nell’America Settentrionale ogni anno ne vengono impiegati un milione di tonnellate. La concimazione biodinamica si pone quindi come alternativa ai metodi di coltivazione dell’agricoltura tradizionale, utilizzando solo prodotti e metodi naturali come il compost, sostanze minerali, materiale vegetale o le rotazioni colturali.

  • Biodiversità agricola

  • Secondo la Fao oggi circa il 75% delle varietà delle colture agrarie sono scomparse e l’alimentazione nel mondo si basa soltanto su 5 specie animali e 7 vegetali, benché in natura ne esitano almeno 30.000. La biodiversità agricola è in pericolo e va salvaguardata come uno dei patrimoni più importanti per l’uomo.

  • Orto biologico: introduzione

  • Sarebbe bello poter avere a portata di mano delle verdure sane e genuine coltivate secondo i metodi dell’agricoltura biologica. Questo è possibile grazie all’orto biologico, che richiede sì esperienza e impegno, ma allo stesso tempo regala prodotti gustosi e che fanno bene alla salute.