Parassiti e malattie del fico

Parassiti e malattie del fico

Le malattie del fico

Funghi: ecco i principali parassiti e malattie del fico

Il fico è una specie fortemente adattata ai climi aridi e caldi, come ad esempio le zone costiere del Mediterraneo dove le precipitazioni sono scarse e concentrate perlopiù in autunno e inverno. Si assiste quindi a una scarsa incidenza di patogeni fungini tra i parassiti e le malattie del fico, eppure alcuni “nemici” possono essere in agguato quando primavere ed estati si fanno particolarmente piovose.


La ruggine del fico (Uredo fici) colpisce le foglie della pianta, e si riconosce per la comparsa di macchie gialle nella pagina superiore e formazioni brunastre nella pagina inferiore; le foglie colpite tendono a cadere precocemente, e questo impoverimento della chioma può portare a un ritardo nella maturazione.

Anche la muffa grigia (Botrytis cinerea) è da annoverare tra queste malattie del fico; tende a svilupparsi durante le primavere caldo-umide, e si manifesta con la presenza di patine di colore grigiastro su foglie ed altre strutture verdi della pianta. Per debellare le muffe esistono appositi prodotti antifungini, che possono essere impiegati anche come trattamento preventivo.


Le cocciniglie, pericolosi parassiti del fico

Le cocciniglie sono insetti di minuscole dimensioni che si cibano della linfa delle piante, indebolendole e rallentando la formazione e la maturazione dei frutti: per questi motivi si tratta di invertebrati che vanno individuati e combattuti tempestivamente. Riconoscere questi parassiti del fico è abbastanza semplice, poiché sulle foglie e sui rami delle piante si possono osservare piccoli scudetti rigidi di forma piatta sotto ai quali si nasconde l’insetto.

Tra i parassiti del fico più comuni e specifici troviamo la cocciniglia del fico o ceroplaste (Ceroplastes rusci), caratterizzata da uno scudetto di colore bianco che solitamente compare sulle foglie intorno al mese di maggio. La specie è aggressiva, e in grado di causare gravi deperimenti della pianta. Altra specie da cui guardarsi è la cocciniglia a barchetta (Eulecanium persicae), che solitamente si rinviene sui rametti meno esposti al sole dove si allinea in lunghe file ininterrotte. Per combattere le cocciniglie si può intervenire spruzzando antiparassitari reperibili in qualunque negozio di giardinaggio.

Attenzione anche ai lepidotteri

Le larve di alcune specie di lepidotteri sono note per la loro aggressività nei confronti di questa specie di albero da frutto. Tra i parassiti e le malattie del fico più impattanti sulla produzione troviamo la tignola (Simaethis nemorana), che dapprima colpisce le foglie della pianta cibandosi di tutte le loro parti ad eccezione delle nervature; successivamente le larve passano ai frutti, nutrendosi della loro polpa.

Sono particolarmente voraci nei confronti dei fichi anche le larve dell’efestia (Ephestia cautella), che scavano gallerie nella polpa riempiendola dei loro escrementi e compromettendo completamente la commestibilità del frutto. In commercio si possono comunque trovare prodotti ad azione insetticida per prevenire e combattere tali minacce biologiche.

2 commenti già pubblicati

Aggiungiti alla conversazione
  1. #1 d'alessandro domenico 19 agosto, 2016, 07:49

    Ho un albero di fico quasi centenario. Ho notato che nel tronco all’altezza di due metri, fuoriesce da una fessura della polvere color ruggine. ho provato a scavare con un cacciavite è uscita del liquido giallastro. Quale operazione è necessario fare per evitare che la malattia possa danneggiare il fico?
    La rimgrazio anticipatamente.

  2. #2 Giacomo 24 settembre, 2016, 19:34

    Domenico si tratta di rodilegno, le cui larbe si nutrono del tronco scavandone lunghe gallerie. Devi infilare del fil di ferro nel foro che vedi è sperare di infilzare il verme. Purtroppo anni fa c’erano diversi principi attivi negli insetticidi valido contro questi maledetti lepidotteri che devastano i frutteti, ma oggi sono tutti banditi.

I tuoi dati saranno salvatiIl tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non saranno condivisi con terze persone