Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Erba sintetica: scelta e acquisto

Alcune volte l’erba sintetica può essere una soluzione alternativa per il giardino? Vediamo quali sono i vantaggi e gli svantaggi di una scelta di questo tipo prima di fare l’acquisto più adatto alle proprie esigenze.

L’erba sintetica

Erba naturale o erba sintetica? Qual è la scelta più adatta? Certamente l’erba naturale rappresenta la scelta migliore nella maggior parte delle occasioni, è innegabile la bellezza, il fascino e le sensazioni che si provano nel vedere e nel vivere in un giardino tradizionale.

L’erba sintetica, infatti, è facilmente riconoscibile da un prato naturale e spesso è definita anche “pavimentazione tessile” in cui sono utilizzati delle fibre di vari spessori resistenti da posare all’esterno.

L’erba sintetica esiste di vari spessori, ma le misure minime si aggirano sui 5-7 mm per quanto concerne l’altezza e su circa 800-1000 grammi di peso per ogni metro quadrato. Generalmente lo spessore va dal minimo di 5-7 cm delle versioni più economiche fino a circa 40-45 per quelli più costosi, con una media sui 20-30 cm per un prodotto di buona qualità e prezzo onesto.

Vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta e quali sono alcuni degli aspetti principali di questo prodotto.

Erba sintetica: scelta e acquisto

Quando scegliere un prato in erba sintetica

In certi contesti si ricorre più frequentemente all’uso di erba sintetica, specie in aree di uso pubblico, anche se di fatto l’erba sintetica viene usata anche da privati per rivestire alcune superfici calpestabili esterne al posto di piantare un giardino tradizionale.

L’erba sintetica viene per lo più usata per:

  • campi da calcetto;
  • aree esterne di bar e ristoranti per creare delle piccole zone verdi rilassanti;
  • bordo piscina per evitare l’effetto scivolamento sul bagnato;
  • aree gioco pubbliche per bambini per attutire anche eventuali cadute dei piccoli;
  • asili nido;
  • stand fieristici per decorare spazi interni ricreando atmosfere dei giardini reali;
  • terrazzi con solarium per rendere più comodo il calpestio con ciabatte o a piedi scalzi;
  • zone a impatto ambientale dove non è possibile far crescere un manto erboso naturale, ma il colore verde dell’erba sintetica limita l’impatto visivo in certi contesti naturalistici.

Chi sceglie di ricorrere all’erba sintetica sicuramente si trova in una o più di queste situazioni:

  • evitare reazioni allergiche per coloro che hanno allergie cosiddette da fieno;
  • non avere la possibilità pratica di curare e gestire un prato con erba naturale;
  • le condizioni atmosferiche di dove dovrebbe piantarsi il prato sono molto avverse e pertanto l’erba non crescerebbe naturalmente.

Prima comunque di scegliere il tipo di erba sintetica più adatta per le proprie esigenze è consigliabile toccare con mano o addirittura camminare scalzi sul manto erboso, per verificarne direttamente la morbidezza e per accertarsi se i fili d’erba, sotto il calpestio, tendano a schiacciarsi eccessivamente.

Vantaggi dell’erba sintetica

Sicuramente il vantaggio sarebbe quello di poter piantare dell’erba vera, ma nel caso ciò non fosse possibile, la scelta di un’erba sintetica può essere una soluzione alternativa che presenta alcuni pregi quali:

  • minima manutenzione;
  • adattabilità ad ogni situazione atmosferica;
  • aspetto estetico sempre curato.

Svantaggi dell’erba sintetica

Anche un prato con erba sintetica ha degli svantaggi e tra i principali inconvenienti ci sono:

  • problema della scoloritura: erbe sintetiche di scarsa qualità potrebbero con il tempo scolorirsi a causa del sole, per questo è importante che il consumatore si accerti sempre che la garanzia copra anche il problema della eventuale scoloritura;
  • garanzia: i giardini sintetici hanno una garanzia la cui durata può variare in base alle aziende produttrici (da un minimo di 2 anni fino anche a 8 o più anni), per questo prima di fare l’acquisto è bene informarsi anche sul tipo di garanzia presente per il prodotto scelto;
  • appiattimento fili d’erba: con un costante calpestio, i fili dell’erba sintetica potrebbero con il tempo presentare uno schiacciamento antiestetico e anche per evitare questo tipo di problemi è bene fare la scelta giusta e acquistare erba sintetica di marche e aziende che ne garantiscano la qualità anche da questo punto di vista. Per evitare il fenomeno dello schiacciamento sarebbe bene non acquistare erbe sintetiche cosiddette a filo piatto che tendono a schiacciarsi con più facilità;
  • surriscaldamento: in estate, con il maggiore calore del sole, un prato sintetico tende a surriscaldarsi maggiormente rispetto a un prato naturale.

Posa dell’erba sintetica

Per un prato sintetico è molto importante anche la sua posa, quindi sarebbe consigliabile evitare di allestirlo da sé se non si ha una buona esperienza in merito. Quindi oltre al costo per l’acquisto dell’erba sintetica è bene valutare anche la voce costi per la posa del manto erboso artificiale.

Il terreno dove verrà posta l’erba sintetica dovrà essere adeguatamente preparato e pertanto il fondo in terra deve essere diserbato, livellato e compattato.

Inoltre è preferibile, per far defluire l’acqua piovana, che i manti erbosi siano drenanti grazie ad alcuni fori praticati al sottofondo. In alcuni casi è consigliato anche realizzare un fondo in sabbia o ghiaia per facilitare il drenaggio.

Costi

Per acquistare l’erba sintetica e valutare tutte le spese e i prodotti presenti in commercio, ci si può rivolgere ad alcune catene di bricolage e “fai da te” oppure ad aziende specializzate o a negozi che vendono prodotti per giardinaggio.

Prima di concludere l’acquisto è bene farsi fare un preventivo completo di tutte le voci, anche perché in genere il costo può essere anche abbastanza elevato.

Ecco le principali voci di spesa da considerare:

  • erba sintetica:
  • manodopera per la posa dell’erba;
  • materiali utili per il lavoro di posa in opera e sistemazione del terreno sottostante quali ad esempio sabbie, colle e altri prodotti.

2 Commenti

  1. Mauro
  2. barbara vallefuoco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.